La figlia di Galeazzi attacca Mara Venier: “Ecco cos’ha fatto dopo la sua morte…”

Susanna Galeazzi, figlia di Gian Piero Galeazzi, attacca Mara Venier per il suo comportamento tenuto il giorno dopo la morte del padre.

È passato un anno dalla morte di Gian Piero Galeazzi, storico conduttore e giornalista televisivo, per le conseguenze di un diabete con cui combatteva da tempo. Proprio in questi giorni, la figlia Susanna Galeazzi si è scagliata contro Mara Venier, rivelando di essere rimasta molto delusa dal comportamento tenuto dalla donna nel giorno seguente alla morte del padre.

Susanna Galeazzi: le parole contro Mara Venier

Mara Venier, si sa, era molto amica del compianto Galeazzi, e il giorno subito dopo alla sua morte aveva dedicato quasi un’intera puntata di Domenica In a ricordare l’uomo. Queste le sue parole: “La cosa più triste? Mio padre adorava Mara Venier. Ho avuto il dubbio e ce l’ho tutt’ora se lei gli abbia veramente voluto bene. Il giorno dopo la sua morte ha fatto una trasmissione da vedova sconsolata invitando a parlare di mio padre Marino Bartoletti che doveva presentare un suo libro e altri che non erano esattamente suoi amici. Nessun riferimento alla famiglia da parte di Mara. Nessun messaggio di condoglianze, nemmeno a mia madre. Mio padre sarebbe rimasto molto sorpreso e amareggiato”.

Mara Venier

A quanto pare, quindi, secondo Susanna Galeazzi, Mara Venier non avrebbe onorato a dovere la scomparsa di suo padre.

Le accuse contro Domenica In

Oltre alle accuse contro Mara Venier, Susanna Galeazzi si scaglia anche contro le puntate che il padre era solito registrare proprio insieme alla donna: “In alcuni casi era imbarazzante. Già come carattere era fuori dalle righe, vederlo mascherato da Topolino o da sparviero, vederlo ballare come un orso. Glielo dicevamo con discrezione che forse non era il caso, ma non ne ha mai tenuto conto”. Nessuna replica al momento da parte della presentatrice veneta”.

Per ora non ci sono state risposte da parte della conduttrice di Domenica In a queste accuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generated by Feedzy