Regolarizza l’intestino con i fermenti lattici

Negli ultimi giorni fatichi a trovare la regolarità intestinale?

Il mal di pancia o la stitichezza appesantiscono le tue giornate e non ti lasciano svolgere in pace le tue attività? La soluzione potrebbero essere degli integratori di fermenti lattici.

Le cause dell’irregalirità intestinale possono essere numerose, le più comuni sono:

alimentazione irregolare;scarsa idratazione;stress e ansia;poca attività fisica;assunzione di farmaci.

In tutti questi casi i fermenti lattici possono essere dei preziosi alleati. Su www.farmaciaforyou.com c’è un’ampia selezione di integratori a base di fermenti lattici vivi. Questa farmacia è online dal 2009 ed è tra le più affidabili e convenienti.

Scopriamo insieme come funzionano i fermenti lattici e come si usano correttamente.

A cosa servono i fermenti lattici

I batteri non sono sempre degli agenti negativi. Infatti, il nostro intestino è popolato proprio da batteri, che costituiscono la flora batterica intestinale e sono essenziali per il corretto funzionamento dell’organo.

I fermenti lattici sono dei batteri che hanno la capacità di insediarsi nell’intestino portando dei benefici alla flora batterica intestinale: nutrono e difendono i batteri buoni che contribuiscono alla regolarità intestinale e ostacolano la crescita dei batteri negativi per l’intestino.

Spesso, si fa confusione nella differenza tra fermenti lattici e probiotici: in realtà, i probiotici sono una categioria di fermenti lattici che hanno la capacità di arrivare vivi nell’intestino e sopravvivere a tutto il transito intestinale. Per questo motivo, sono più efficaci dei batteri lattici comuni e sono i più utilizzati per gli integratori.

Gli integratori di fermenti lattici possono aiutare il nostro intestino in diverse occasioni, le principali sono:

diarrea;stitichezza;cure con antibiotici;colite;Covid.

Vediamo nel dettaglio la loro azione associata ai diversi fastidi.

Quando prendere i fermenti lattici

Il disturbo più comune che ci porta ad assumere dei fermenti lattici è la diarrea. Spesso l’alimentazione irregolare porta uno squilibrio della flora batterica intestinale, che causa la diarrea: in questi casi gli integratori possono aiutare a ricostruire l’equilibrio.

Lo squilibrio battericointestinale può portare anche stitichezza. Infatti, alcuni batteri aiutano il corretto transito delle feci e, quando questi mancano, può arrivare la stitichezza. I probiotici aiutano a ripopolare l’intestino di questi batteri buoni.

Una causa molto comune dello squilibrio intestinale è la cura con antibiotici. Infatti, gli antibiotici hanno il compito di eliminare i batteri dannosi per il nostro organismo ma, quando attraversano l’intestino, possono eliminare anche i batteri buoni che lo popolano. Per questo, quando si inizia una cura con l’antibiotico è consigliabile assumere degli integratori di fermenti lattici.

Anche in caso di colite i fermenti lattici possono darci una mano. La colite è un’infiammazione del colon, che può avere come causa lo squilibrio della flora batterica intestinale che può essere ripristinata con gli integratori.

Tra i sintomi del Covid è molto frequente che vi sia anche l’irregolarità intestinale: molti pazienti lamentano infatti diarrea o stitichezza durante l’infezione da Covid 19. Dunque, anche in questo caso può risultare utile fare ricorso ai probiotici.

Affinchè i fermenti lattici svolgano il loro lavoro nel modo migliore, bisogna assumerli correttamente.

Come usare i fermenti lattici

Affinchè i fermenti lattici abbiano il migliore effetto, bisogna fare in modo che arrivino vivi nell’intestino. Per questo motivo, è bene prenderli lontano dai pasti, in modo che l’interazione con gli alimenti non li danneggi.

Dunque, è consigliato prendere gli integratori mezz’ora prima dei pasti, in modo che passino nell’intestino prima che si inizi a mangiare. In alternativa, vanno assunti 2 ore dopo i pasti, quando il cibo non è più presente nello stomaco.

Il numero di volte in cui si assumono questi integratori varia a seconda del tipo di prodotto e dall’entità del disturbo che si vuole curare. Quindi, è bene chiedere il parere del medico o del farmacista in merito alle quantità da assumere.

Un dubbio che spesso ricorre su questi integratori è se possano essere assunti dagli intolleranti al lattosio. Nonostante il nome possa ingannare, i fermenti lattici per loro natura non contengono latte, trattandosi di batteri. Tuttavia, è bene controllare gli ingredienti dell’integratore o fare presente l’intolleranza al farmacista. Così potrai accertarti che non siano state aggiunte proteine del latte per altri motivi, come garantire una migliore conservazione del prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generated by Feedzy