Sanremo 2023, Anna Oxa ignora Giovanna Civitillo. Lo staff: “Stampa diffamatrice”

Si accendono le luci su Sanremo 2023 e su Anna Oxa, finita al centro dell’attenzione per aver rifiutato di rispondere alle domande di Giovanna Civitillo.

Mancano poche settimane all’inizio di Sanremo 2023 e già iniziano le chiacchiere sui cantanti in gara e i retroscena del backstage. A far parlare nelle ultime ore è stata l’intervista che Anna Oxa ha negato a Giovanna Civitillo, inviata de La vita in diretta per il Festival e moglie di Amadeus. Il video ha fatto il giro della rete e, se qualcuno ci ha riso su, qualcun altro non ha esitato ad additare l’artista come una donna altera e superba.

ANNA OXA CHE NON SI FERMA A FARE L’INTERVISTA CON GIOVANNA #lavitaindiretta #Sanremo2023 pic.twitter.com/2ZwCOAUrnd

— trashtvstellare (@tvstellare) December 19, 2022

Anna Oxa, i motivi del no a Giovanna Civitillo

“Anna Oxa non doveva rilasciare interviste. È stata a Sanremo per cose già stabilite: presentare il titolo del brano e fare una foto. Tutto questo a titolo gratuito”, ha scritto lo staff della cantante su Facebook.

“Il resto è tendenzioso, perché lo sanno tutti che a differenza di altri artisti che sono in causa con la Rai non avrebbe potuto avere la libertà di rispondere – si legge ancora nella nota – . Pertanto si è scelto di evitare, sapendo che in Rai c’è una parte non favorevole. Anna Oxa da sempre è attaccata da una parte di stampa diffamatrice che strumentalizza qualsiasi cosa facendo violenza ai diritti umani, ledendo dignità, l’onore e la reputazione della persona”.

“La cosa peggiore è quando attribuiscono alla signora Oxa i propri pensieri con le proprie alterazioni. L’immagine scelta per il programma di Matano è già tutto dire – ha scritto lo staff, lanciando pesanti accuse anche al programma di Rai 1 – . Vi invito a non farvi intossicare da quella che da sempre è disinformazione/diffamazione nei confronti di una donna molto invidiata. ‘Chi invita a denunciare la violenza non può avercela con chi denuncia’. La violenza è una – conclude –  anche se ha tante maschere. L’accanimento è violenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generated by Feedzy